..scrittura che attraverso la variazione del colore e della posizione trasmette significati spesso differenti, vuole rappresentare contesti e sensazioni molteplici. É lo stesso osservatore che costruisce la sua propria interpretazione, a suo modo, in base al momento, alle sensazioni, al personale bagaglio interiore può derivarne una lettura univoca e personalissima, mai inquadrabile ne prevedibile. Vedere unione dove c’è separazione, vedere emozione dove c’è imperturbabilità. Tutto il movimento mentale e sentimentale che percepisco davanti ad un mio lavoro, mi spinge ad affrontare sempre nuove rappresentazioni di situazioni emotive, nelle quali il mio cuore diviene una chiave che apre ai moti che nascondiamo nell’animo. Mi definisco pertanto, e per diletto, un cantastorie.